Benvenuti nel mio Studio

COVID IN UROLOGIA

COVID IN UROLOGIA

COVID IN UROLOGIA

Innanzitutto possiamo stare tutti tranquilli, il famigerato Coronavirus non provoca direttamente lesioni o patologie a carico dell’apparato urologico e andrologico. Però può colpire più facilmente quei pazienti affetti da alcune patologie urologiche che determinano una riduzione del sistema immunologico e favoriscono così l’aggressione del virus. Non parlo solo delle neoplasie quali il tumore della vescica o della prostata o dei reni o dei testicoli ma anche e soprattutto di alcune malattie ritenute tradizionalmente ed erroneamente semplici o banali. Tutti nel corso della nostra vita abbiamo avuto infatti una cistite o una prostatite ma non sempre abbiamo dato il giusto peso. Queste infezioni urinarie invece non solo insorgono per una carenza di difese immunitarie ma loro stesse ne provocano un ulteriore peggioramento con conseguente immunodepressione. Il sistema immunitario riduce la sua efficacia e la sua costante protezione del nostro organismo ed espone invece con facilità il paziente ad un contagio virale come per esempio il coronavirus. Il mio invito pertanto soprattutto di questi tempi è di aver maggior cura del nostro corpo e di non sottovalutare le infezioni urinarie, subdole ma pericolose. Non fate autodiagnosi o peggio non assumete farmaci e antibiotici per sentito dire o per esperienza personale che potrebbero addirittura ridurre le vostre difese immunitarie, sottoponetevi sempre ad una visita specialistica urologica per una corretta diagnosi e una terapia mirata e efficace.

Share:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.